Testata - Vivere la Casa in Campagna
Benessere e sostenibilità - Scopri di più

La barca di San Pietro, tradizione del 28 giugno

28 Giugno 2021 | Balconi e terrazzi, Giardino

L’usanza della barca di San Pietro (nota anche come veliero di San Pietro) aveva lo scopo di «decifrare» il futuro, soprattutto meteorologico, nella speranza di vedere successivamente delle giornate di sole, semplicemente impiegando un contenitore di vetro pieno d’acqua e un albume d’uovo, precisamente nella notte tra il 28 e il 29 giugno. A seconda della forma della barca e dal numero di vele e di alberi si sperava di indovinare se le condizioni atmosferiche sarebbero state favorevoli ai raccolti o se i componenti della famiglia sarebbero stati in salute.

La sua realizzazione è molto semplice ed è praticata ancor oggi in diverse zone dell’Italia, a pochi giorni di distanza dalla notte di San Giovanni, con la quale esiste qualche correlazione. In alcune città italiane, oltretutto, la stessa tradizione si chiama «barca di San Giovanni» e si celebra nella notte tra il 23 e il 24 giugno.

Quando e come procedere per veder apparire la barca di San Pietro

Si procede così: la sera del 28 giugno si riempie un vaso di vetro con acqua e vi si versa lentamente l’albume. Quindi lo si sistema, senza chiuderlo, all’aperto, in modo che durante la notte riceva la «luce» della luna e poi la rugiada mattutina.

Se il rito riesce, il giorno seguente, cioè il 29 giugno in cui ricorre la festività dei santi Pietro e Paolo, auspicabilmente una giornata di sole, l’albume avrà formato dei filamenti a forma di veliero, il quale ricorda per tradizione l’imbarcazione di San Pietro, che era un pescatore.

Vaso-con-barca-di-San-Pietro
Vaso con la «barca» ben formata

    Dichiaro di aver letto e accettato la Privacy Policy

    0 commenti

    Invia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *