Testata - Vivere la Casa in Campagna
Benessere e sostenibilità - Scopri di più

Marmellate e conserve: alcune indicazioni per la conservazione

da | 2 Settembre 2022 | Cucina, Sicurezza

Se per i sott’oli e la frutta sciroppata la sterilizzazione dei barattoli riempiti è una fase imprescindibile, affinché avvenga la distruzione dei microorganismi e si attivino gli enzimi del prodotto, per marmellate e conserve il discorso è diverso.

Perché trasformare la frutta

Se il raccolto del proprio orto o frutteto – piccolo o grande che sia – è stato abbondante o non si è resistito all’acquisto di una cassetta di frutta o verdura di stagione, parte del “bottino” può essere trasformata in prodotti sottovetro, da gustare tutto l’anno.

La trasformazione in conserve, sott’oli, sott’aceti, giardiniere, marmellate, confetture ecc. è un’operazione che va eseguita seguendo scrupolosamente le norme igieniche, utilizzando l’attrezzatura idonea e prodotti di buona qualità e operando in un ambiente pulito. Sott’oli e frutta sciroppata, una volta invasati, vanno poi sottoposti a un processo di sterilizzazione tramite bollitura per almeno 30 minuti. E nel caso di marmellate e confetture?

Marmellate e confetture

Questi prodotti non necessitano della sterilizzazione perché sono le conserve più sicure: il trattamento termico (cioè la fase di cottura), infatti, elimina la maggior parte dei microrganismi pericolosi. Inoltre la frutta è di per sé sufficientemente acida e l’aggiunta di zucchero immobilizza l’acqua libera.

Capovolgere i barattoli: sì o no?

Benché, come abbiamo visto, queste conserve di frutta siano di per sé sicure, alcune tradizioni della nostra Penisola prevedono di capovolgere i vasetti per un’ulteriore sterilizzazione. Il procedimento è il seguente:

  • si riempiono i vasetti (1) e li si chiude velocemente;
  • li si avvolge in carta di giornale (2);
  • quindi, li si capovolge e ripone vicini in una cassetta.

Ci sono però degli inconvenienti:

  • la parte interna del coperchio si imbratta;
  • è possibile che si formi un vuoto sul fondo del vasetto (3).

Per la corretta conservazione degli ortaggi di veda il libro a questo link.

    Dichiaro di aver letto e accettato la Privacy Policy

    0 commenti

    Invia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Cose da fare
    Redazione

    Altri articoli simili

    La Rivista

    Copertina Ultimo Numero

    Leggi il sommario
    dell'ultimo numero >