Testata - Vivere la Casa in Campagna
Benessere e sostenibilità - Scopri di più

Le sagne incannulate con sugo al basilico

6 Giugno 2024 | Cucina

La ricetta delle sagne incannulate proviene dalla Puglia e la sua preparazione è resa un po’ complessa, ma comunque alla portata di tutti, perché prevede l’operazione di incannulare.

La pasta fresca fatta in casa

La pasta fresca o pasta fatta a mano un tempo era la pasta di tutti i giorni, preparata con acqua e farina; nei giorni festivi si poteva aggiungere qualche ingrediente in più, per esempio l’uovo nell’impasto o un sugo un po’ più ricco come condimento.

Oggi, questa tradizione culinaria è tornata di moda, vuoi perché la pasta fatta a mano è molto più buona e saporita di quella industriale (che, paradossalmente, un tempo era quella che potevano permettersi solo i ricchi!), vuoi perché impastare e tirare la sfoglia può essere un’attività rilassante, per i ritmi lenti di preparazione, per i movimenti ripetitivi, per l’atto stesso di creare qualcosa con le proprie mani, sicuramente molto appagante.

La preparazione della pasta è poi un momento intimo quando vissuto in famiglia, perché si “lavora” assieme, si collabora e si tramandano saperi.

E poi con la pasta si può sperimentare, che si sia adulti o bambini!

La ricetta delle sagne incannulate

La ricetta che proponiamo prevede ingredienti per 2 persone e richiede un tempo di preparazione di circa un’ora.

Per il condimento abbiamo scelto un sugo leggero, adatto anche alla stagione estiva.

Ingredienti per la pasta fresca:

  • 125 grammi di farina 00
  • 125 grammi di semola di grano duro rimacinata
  • 125 grammi di acqua tiepida

Ingredienti per il condimento:

  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 300 grammi di pomodori pelati
  • sale q.b.
  • qualche foglia di basilico
  • a piacere, pecorino o parmigiano grattugiato

Procedimento

  • Miscelate le due farine e disponetele a fontana sulla spianatoia, aggiungete l’acqua tiepida un po’ alla volta e mescolate con le dita. Impastate per almeno 10 minuti in modo da ottenere un impasto omogeneo;
  • formate una palla e avvolgetela nella pellicola trasparente per 30 minuti;
  • dividete l’impasto in tre parti e con il mattarello tirate una sfoglia di 1 mm di spessore per ciascuna;
  • avvolgete una sfoglia sul mattarello, poi sfilatelo e dalla pasta così arrotolata tagliate delle strisce larghe 1 cm, che dovrete srotolare e tenere da parte. Ripetete l’operazione anche per le altre due sfoglie;
  • lavorate ora una striscia per volta: con un dito tenetela ferma da un lato, con l’altra mano arrotolate un lembo di pasta e poi fatela rotolare verso di voi;
  • unite le estremità e riponete le sagne incannulate in un vassoio infarinato con farina rimacinata;
  • cuocete in acqua bollente salata per 3 minuti;
  • nel frattempo preparate il sugo al basilico;
  • potete aggiungere a piacere pecorino o parmigiano grattugiato

Volete sperimentare un’altra ricetta con la pasta fresca? Sul n. 2/20 a pag. 56 trovate quella degli strascinati.

Foto di © Edizioni L’Informatore Agrario

    Dichiaro di aver letto e accettato la Privacy Policy

    0 commenti

    Invia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Articoli simili

    La Rivista

    Copertina Ultimo Numero

    Leggi il sommario
    dell'ultimo numero >