Testata - Vivere la Casa in Campagna
Benessere e sostenibilità - Scopri di più

Legna da ardere: caratteristiche e classificazione

da | 14 Luglio 2021 | Giardino

Alcuni studi di riferimento suddividono i diversi tipi di legna in funzione del peso specifico, considerando duri e compatti i legnami con peso superiore a 550 kg per metro cubo, e teneri e leggeri tutti quelli al di sotto di tale limite.

Sono considerati teneri il pioppo, il salice, la betulla, l’ontano e tutte le conifere (abete bianco, abete rosso, pino cembro, pino nero, larice, ecc.); va ricordato che le conifere sono ricche di resina, motivo per cui bruciano più velocemente e tendono a emettere molte scintille; pertanto non sono propriamente adatte per l’utilizzo in focolari aperti. Ne consegue che le specie legnose migliori per uso come legna da ardere sono proprio i legni duri, ovvero il legname che si ottiene dai boschi di quercia (cerro, leccio, roverella), i più pregiati insieme al legname di faggio, carpino nero e robinia.

Tuttavia non esiste un legno migliore di altri in modo assoluto, poiché ad alcune caratteristiche ottimali se ne accompagnano altre minori. Le caratteristiche ottimali del legno da ardere, e di conseguenza dell’intera combustione, sono le seguenti:

  • avere un buon rendimento calorico;
  • poter essere acceso senza difficoltà;
  • bruciare senza fiamma o fumo;
  • ridursi abbastanza rapidamente in «brace»;
  • durare a lungo;
  • non «scoppiettare» con lancio di scintille.

Il legno che si ottiene dal faggio ha quasi tutti i requisiti citati, ma si consuma abbastanza rapidamente. Il legno della quercia dura a lungo ma genera temperature inferiori. Quello di castagno ha un buon rendimento, produce una temperatura elevata durando a lungo; per contro però brucia mantenendo un po’ di fiamma, emette fumo e di frequente scoppietta lanciando scintille e faville. Per tale motivo la legna di faggio e quercia è solitamente preferita per fornelli e bracieri aperti, mentre quello di castagno è più adatto per le cucine-stufe o i camini chiusi.

Caratteristiche per i tipi più comuni di legna da ardere

TIPO DI LEGNOQUANTITÀ DI CALOREFACILITÀ DI COMBUSTIONEDENSITÀ DEI FUMI
LEGNI DURI
Aceroaltabuonabassa
Castagnoaltabuonaalta
Ciliegiomediabuonabassa
Faggioaltabuonabassa
Carpino neroaltabuonabassa
Nocemediabuonabassa
Olmomediamediamedia
Pioppobassabuonamedia
Roverealtabuonabassa
LEGNI TENERI
Abetebassamediamedia
Laricemediabuonamedia
Pinobassamediamedia

    Dichiaro di aver letto e accettato la Privacy Policy

    7 Commenti

    1. mariagrazia adduci

      vorrei ricordare anche il frassino ( excelsior ) ottimo combustibile, frequente nei boschi spontanei in consociazione con acero e castagno.

      Rispondi
    2. Marino Cavinato

      Ma quanto inquina il fumo emesso dalla legna? Nell’articolo se ne parla? Quante polveri sottili e quanta CO2 nei confronti del metano da riscaldamento?. Un buon articolo deve confrontare i combustibili per il riscaldamento riguardo a potere calorico ed emissioni, criteri più importanti anche del costo, perché la legna uno può averla in casa, soprattutto gli hobbisti della campagna, quali sono spesso i lettori di questa rivista. È necessario anche parlare di stufe, aggiornando un articolo della rivista di 3 anni fa sulla valutazione con stellette (da 1 a 5) delle nuove stufe e inserti per caminetti. Grazie

      Rispondi
      • Redazione

        Buongiorno, grazie per averci scritto. Le abbiamo risposto tramite messaggio privato.

        Rispondi
    3. dario fai

      chissa perche’ non viene preso in considerazione tra i legni duri e ad alta resistenza l’olivo, i caminetti li usiamo anche al sud

      Rispondi
    4. licio

      Come buon legno da ardere aggiungerei l’acacia

      Rispondi
    5. Gianmarco

      Buongiorno, è possibile quantificare l’utilizzo della legna per riscaldarsi in termini di emissioni di CO2?
      Ovvero un bilancio tra assorbito durante la vita della pianta e successivamente rilasciato con la combustione?
      Inoltre, quante ppm rilascia mediamente una stufa a legna rispetto ad una a pellet o altro sistema di riscaldamento che metta ppm?
      Grazie

      Rispondi
      • Redazione

        Buongiorno, grazie per averci scritto. Le abbiamo risposto tramite messaggio privato.

        Rispondi

    Invia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Cose da fare
    Redazione

    Altri articoli simili

    La Rivista

    Copertina Ultimo Numero

    Leggi il sommario
    dell'ultimo numero >