Testata - Vivere la Casa in Campagna
Benessere e sostenibilità - Scopri di più

Fotovoltaico: come calcolare i risparmi

15 Settembre 2023 | Dalla rivista

Quali sono i parametri da considerare per valutare i benefici in termini energetici ed economici di un impianto fotovoltaico? Come si elabora un conto economico? Lo abbiamo visto con Valerio Fabbretti, il nostro collaboratore ed esperto in gestione dell’energia.

Criteri di valutazione di un impianto fotovoltaico

Con l’aumento dei prezzi dell’energia il fotovoltaico è una delle soluzioni a cui più spesso si ricorre per porre un freno alla spesa energetica. Ma se fino a qualche anno fa valutarne i benefici ottenibili era semplice, ora la situazione è più complessa perché il panorama di soluzioni impiantistiche è molto più variegato. Questo, se da un lato permette di scegliere soluzioni sempre più “su misura”, dall’altro rende più difficili i calcoli e rende necessario prendere in esame diversi parametri.

I fattori da considerare per valutare le prestazioni energetiche sono:

  • autoconsumo;
  • autarchia;
  • copertura del fabbisogno.

Per valutare le prestazioni economiche si può utilizzare il tempo di ritorno dell’investimento (SPBT, Simple Pay Back Time): per rendere questo valore più attendibile in un contesto in cui il prezzo dell’energia è molto variabile, è possibile prendere in considerazione due differenti valori dell’energia elettrica, uno realista e uno più basso.

Due esempi concreti

Essendo diversi gli scenari possibili in termini di tipologia di impianto, abbiamo proposto due esempi:

  • nel primo l’impianto fotovoltaico è stato realizzato ex novo ed è predisposto per l’accumulo che però non è ancora stato installato;
  • nel secondo l’originario impianto è stato potenziato e presenta un sistema di accumulo attivo.

In entrambi gli esempi i calcoli hanno evidenziato un’elevata copertura del fabbisogno energetico grazie all’impianto fotovoltaico, che determina una minore spesa per l’energia elettrica. Particolarmente illuminante è il confronto fra i prelievi in bolletta del secondo esempio, prima e post intervento di ampliamento: per ben 7 mesi i prelievi in bolletta sono stati quasi nulli!

Per i dettagli e le tabelle con i dati di rendimento mese per mese dei due impianti scarica l’articolo da qui.

Foto di loretta menchini – Pixabay.com

    Dichiaro di aver letto e accettato la Privacy Policy

    1 commento

    1. Salvatore

      ho realizzato una villetta in piena campagna e ho intenzione di istallare un impianto fotovoltaico per esclusivamente uso domestico e semplice irrigazione con motore elettrico di 1,5 cv.

      Rispondi

    Invia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *